leuca Salento

 

HOME-ARTICOLI-ARTICOLO

 

X CATEGORIE

FREELANCE...QUANDO POSSO...FORSE TROPPO CRITICO...MA APPREZZATO...IMPRECISO ? SEMPRE !....MI PIACE SCRIVERE, MA FORSE MEGLIO DIRE PASTICCIARE E SENZA UN CORRETTORE DI BOZZE, ERRORI A NON FINIRE E SGRAMMATURE IMPERDONABILI...PASSARE OLTRE ! IL PENSIERO NEL RAPPORTO CON IL MONDO EVOLVE CON LA CRITICA NON CON L'OMOLOGAZIONE E LE FACILI SUGGESTIONI....

Titolo : REFERENDUM , NEOLIBERALISMO CONTRO LA MEMORIA STORICA E A SOSTEGNO DEL PERMANERE DELLA INCALZANTE POVERTA’ IN ITALIA.

DATA INSERIMENTO :

Leuca

 



Inspiegabili costi aggiuntivi nelle bollette, ma anche nelle schede prepagate degli operatori telefonici. Sei cliente di qualche compagnia telefonica e hai scoperto addebiti inaspettati in bolletta o nelle modalità prepagate ? Oppure nel tuo dettaglio traffico sono comparse voci come "pagine sotto copertura ..." e "contenuti sotto copertura ...."?

Chiedere il rimborso non è facile e direi nella stragrande maggioranza dei casi impossibile, hanno sempre ragione loro e a noi rimane un senso di sconforto e impotenza.

In tanti segnalano strani addebiti in bolletta da parte dell’operatore tlefonico dovuti a traffico o servizi attivati senza rendersene conto. Si tratta in alcuni casi di piccole somme (generalmente 9 o 18 centesimi alla volta), difficilmente individuabili da parte di consumatori poco attenti ma che possono diventare elevate mese dopo mese; in altri casi si parla invece di somme ben più elevate, dai pochi euro sino anche 60 o 80 euro al mese. Spesso gli addebiti hanno voci in bolletta come “Contenuti sotto copertura ...” oppure “Pagine sotto copertura ....”, ma non sono le uniche voci segnalate e contestate dagli utenti. Per questa scarsa trasparenza non si muove nulla di fatto e realmente concreto.

Le soluzioni sono tre, mandare una lettera raccomandata alla compagnia e chiedere mettervi in condizioni di non incappare nei tranelli che loro adducono di esistere oppure non utilizzare più le compagnie telefoniche oppure utilizzare le modalità di messaggistica attraverso la rete telematica e questo per un uso medio basso del telefono. Al momento non vi sono soluzioni davvero serene, dobbiano ad ogni buon conto accettare di essere rapinati.

Questa solo una introduzione alla tecnologia e alla scienza, dalle quali se ne traggono sempre più raffinati inganni. Tra l altro la scienza è indirizzata nella ricerca secondo i dettami del mercato e non è al servizio reale e concreto per l uomo, la sua necessità a risparmiare, ecc., se non sotto mentite spoglie. Basti vedere quante pannelli fotovoltaici vi sono sulle case del Sud...ve ne sono più nei paesi del Nord ove addirittura si commercializza una caldaia a gas con motore sterling incorporato che produce 3 Kwh. E le masse sono le più colpite.

Ai benestanti essere stati derubati di 50 centesimi poco importa... Provate a moltiplicare 50 centesimi per 30 milioni di possessori di smartphone. Sono 15 milioni di Euro e se l operazione si ripete almeno una volta al mese diventano 180 milioni di Euro all anno. Solo di denaro svanito nel nulla, sfido chiunque ad accorgersi o a porsi realmente il problema, cosi presi da mille incombenze del quotidiano .

Questa è la avanzata società attuale fondata sul paradigma neoliberale ove si celebra ancora una volta “Le magnifiche Sorti e Progressive” della stessa, la migliore possibile, per il benessere dell uomo e non di una ristretta minoranza che detiene tali mezzi truffaldini arricchendosi spropositatamente mentre il popolo si inpoverisce sempre di più. Cosa fare ?

Rieducarsi...approfondire...confrontarsi..., non seguire le mode, non credere ciecamente a quello che viene propinato con toni sensazionalistici o messaggi subliminali... ragionare nei termini del chilometro 0 non solo in gastronomia , ma sopratutto nelle relazioni. Il mondo è pericolosamente diventato troppo piccolo.

Approfondire,confrontarsi,relazionarsi e valutare ogni aspetto per esempio prima di acquistare dei beni di consumo. Non farsi prendere dalla mania di spendere il denaro subito, siamo attorniati da trappole e inganni ben celati e nascosti...in primis ni materiali da costruzione...hanno imparato che gli oggetti e le forme e il prezzo devono essere studiatissimi per massimizzare il coinvolgimento della nostra psiche, devono essere perfetti nell estetica per attrarre il consumatore...Dobbiamo difenderci...riscoprire in alcuni ambiti l artigianato e il già usato.

Rieducarsi all riutilizzo dei beni, spesso il nuovo è peggio del vecchio e l usato è migliore del nuovo.

Guardare meno la televisione asservita oramai all unico aggressivo paradigma neoliberale, anche quella che sembra diversa....o contro corrente e a favore dei poveri o dei malcapitati. Noi non siamo persone ,ma oramai numeri statistici. Non siamo nemmeno rappresentati dal Parlamento e tra poco nemmeno dalle Regioni... il quale non legifera e se legifera legifera male. Oggi è il governo che legifera a colpi di decreti e per paura che prima o poi questa anomalia possa finire si dispiegano il fronte del SI del prossimo referendum che abolireranno il Senato sovvertendo la costituzione. Se le cose non sono funzionate è perche “il boicottare” è stata la prima attività degli odierni improvvisati politici parlamentari,... altre sono le soluzioni.

Ma i potenti della terra hanno deciso di snellire l attività politica di un paese ove già non siamo piu sovrani e cosi dipendere dalle banche europee che le sole stampano il denaro e lo prestano in pieno regime neoliberale insostenibile anch esso nel medio lungo periodo.

Mentre prima il debito pubblico era un falso oggi rischiamo davvero di indebitarci insieme ai nostri nipoti ! Poiché anche i governi chiedono il denaro in prestito mentre prima potevano stamparlo poiché erano sovrani della moneta. Oggi non più.

Le banche, le assicurazioni, le compagnie telefoniche ed elettriche insieme ad altri che hanno accumulato ricchezze spaventose a danno dei cittadini e le loro famiglie, e ci potete scommettere, voteranno per il SI, perchè tale orientamente è l ennesimo tassello mancante per rendere il nostro paese governato da altri che lo richiederebbero più snello nelle decisioni... e non importa se il popolo sia daccordo,rappresentato e tutelato...ciò è ampiamente evidente.

Proviamo a leggere il quesito referendario. L ultimo realizzato in Italia a proposito di trivelle calandoci nei panni di chi non ha dimestichezza con le norme di legge. Ecco il testo: "Volete voi che sia abrogato l'art. 6, comma 17, terzo periodo, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, 'Norme in materia ambientale', come sostituito dal comma 239 dell'art. 1 della legge 28 dicembre 2015, n. 208 'Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge di stabilità 2016)', limitatamente alle seguenti parole: 'per la durata di vita utile del giacimento, nel rispetto degli standard di sicurezza e di salvaguardia ambientale'?".

Se non si ha a disposizione un consulente legale una povera vecchietta (e non solo lei) rischia davvero di lasciarsi prendere da una crisi di nervi. Come è possibile che in Italia non si possa formulare a tutti i cittadini una domanda scritta in un italiano comprensibile a tutti? Personalmente nutro qualche perplessità sui referendum in Italia.

Nel referendum Costituzionale del 2016 su cui la data è ancora incerta, ma sino a Dicembre c’è tempo il SI si pensa sia determinante ai fini della permanenza o meno in carica di un Governo Renzi.

Gli italiani sono stati chiamati a dire sì o no alla proposta di legge Boschi-Renzi (PD) sulla riforma costituzionale perché in sede di votazione in Parlamento il ddl non ha ottenuto la maggioranza dei voti. La decisione della sua entrata in vigore spetterà, dunque, ai cittadini. E questo già dovrebbe allarmarci poiche in Italia non vi sono le condizioni adeguate perchè il cittadino possa serenamente e con consapevolezza esprimere una preferenza...e loro lo sanno.

L’abolizione del bicameralismo paritario, la riduzione del numero dei parlamentari,le modifiche del titolo quinto che riportano dalle Regioni al governo nazionale alcuni poteri decisionali, la modifica del quorum per l’elezione del presidente della Repubblica e l’aumento del numero delle firme necessarie per proporre un referendum sono solo alcuni punti che meriterbbero approfondimenti continui e impossibili per il comune cittadino. Inoltre questo Referendum è di tipo confermativo o sospensivo, non è necessario il raggiungimento del quorum. Diversamente dal referendum abrogativo - come quello di aprile sulle trivellazioni, per intenderci - non servirà il 50% dei voti più uno e, a prescindere dal numero di partecipanti, vincerà l’opzione (Sì o No) che ha ottenuto la maggioranza dei voti. Hanno una tal fretta di concludere. Una ragione sufficente per andare a votare ? Ovviamente NO :-)

Walter Petese
Replica

 

 
 

 

IL SUD SALENTO CHE LAVORA E CHE VUOLE LAVORARE

leafIl Mezzogiorno non è assistito ma partecipa a un sistema economico che mantiene alto il potere d’acquisto delle regioni settentrionali . Paolo Savona, economista e presidente della Banca di Roma evidenziò come occorra concentrare l’attenzione verso i settori economici che aumentano il potere d’acquisto sui territori, che devono sviluppare la capacità di esportare verso l’esterno. In particolare, Savona ha invitato a ridurre la dipendenza alimentare, in quanto consumare prodotti del territorio è vantaggioso per il Sud dell'Italia. Basta con il mito del Sud assistito e che non lavora, questa idea populista nasce nei salotti di una certa borghesia o classe politica insieme all'idea di sfruttare il Sud e impoverirlo e poi dargli anche la colpa.